Libri
L'Afrique subsaharienne, qui traverse une crise profonde, n'est pas une terre qui meurt, mais un continent qui change. Certes, son avenir est préoccupant : faiblesses économiques et politiques, famines et conflits, croissance démographique non maîtrisée, incertitudes climatiques, progression des épidémies... En quoi, cependant, cette crise exprime-t-elle et provoque-t-elle un changement ? L'ouvrage aborde cette question par une approche géographique des blocages de l'économie de rente et de la crise consécutive d'États inscrits dans une tendance démographique de long terme dont les conséquences sont considérables pour l'ensemble des structures sociales et spatiales africaines. Puis, il envisage les mutations des villes et des campagnes. Une économie de la survie, qui n'exclut pas la modernisation, s'est mise en place : les paysans assument leur croissance démographique, tout en contribuant à nourrir des villes dont les habitants sont à la recherche de nouvelles voies d'urbanité. Quant au foisonnement des encadrements, dont l'une des manifestations les plus spectaculaires est la prolifération du religieux, il a des incidences spatiales qui sont également envisagées. L'ouvrage conclut sur les problèmes d'intégration interne et d'insertion dans le système-monde d'une humanité noire qui devrait compter plus d'1,2 milliard d'individus en 2030. Alain Dubresson est professeur à l'université de Paris X-Nanterre. Il a notamment publié Villes et industries en Côte-d'Ivoire. Pour une géographie de l'accumulation urbaine, éditions Karthala, 1989. Jean-Pierre Raison est professeur émérite de l'université de Paris X-Nanterre. Il a notamment publié Les Hautes Terres de Madagascar et leurs confins occidentaux, éditions Karthala-ORSTOM, 1984. Les deux auteurs ont dirigé, avec Jean-Yves Marchal, Les Afriques au sud du Sahara, tome VI Géographie universelle, Belin-Reclus, 1994. Cartographie: Anne-Marie Barthélemy. L'encadrement par le haut des complexes politico-économiques en question. Les populations : répartition et dynamiques démographiques. Crise et mutation des agricultures. Villes et citadins : quelle Afrique urbaine ? Crise des encadrements, encadrements de crise. Recomposition d'espaces : une géographie de l'incertitude. Les intégrations au-dedans et au-dehors : régionalisation et mondialisation.
Title: L'Afrique subsaharienne Une géographie du changement
Authors: ,
Language: français
Publisher:
Published: 2003
ISBN: 2200265883
ISBN13: 978-2200265885
Page Count: 248
sist: 06 1 DUBR

L’Afrique subsaharienne, qui traverse une crise profonde, n’est pas une terre qui meurt, mais un continent qui change.
Certes, son avenir est préoccupant : faiblesses économiques et politiques, famines et conflits, croissance démographique non maîtrisée, incertitudes climatiques, progression des épidémies… En quoi, cependant, cette crise exprime-t-elle et provoque-t-elle un changement ? L’ouvrage aborde cette question par une approche géographique des blocages de l’économie de rente et de la crise consécutive d’États inscrits dans une tendance démographique de long terme dont les conséquences sont considérables pour l’ensemble des structures sociales et spatiales africaines. Puis, il envisage les mutations des villes et des campagnes. Une économie de la survie, qui n’exclut pas la modernisation, s’est mise en place : les paysans assument leur croissance démographique, tout en contribuant à nourrir des villes dont les habitants sont à la recherche de nouvelles voies d’urbanité.
Quant au foisonnement des encadrements, dont l’une des manifestations les plus spectaculaires est la prolifération du religieux, il a des incidences spatiales qui sont également envisagées.
L’ouvrage conclut sur les problèmes d’intégration interne et d’insertion dans le système-monde d’une humanité noire qui devrait compter plus d’1,2 milliard d’individus en 2030.

 

Dal libro

 

1 Questa è la seconda edizione completamente aggiornata di un’opera pubblicata nel 1998. Come il libro di Roland Pourtier, che abbiamo riportato in un precedente bollettino ( Belgeo , 2002/1) e il cui titolo è molto vicino, tratta dell’Africa nera in generale senza affrontare gli aspetti regionali, mentre ricordando dall’introduzione che l’Africa è plurale e di riferimento per i dati fondamentali sugli ambienti e le persone a Africa Pierre Gourou (1970) e nel volume Les Afriques au sud du Sahara , de la Géographie Universelle (1994). Come annuncia il sottotitolo, gli autori prediligono una geografia che studi i cambiamenti, le mutazioni e le dinamiche spaziali conseguenti alle trasformazioni socio-politiche ed economiche in atto nel continente nero, la geografia di un’Africa in crisi senza dubbio, ma, scrivono, la cui gli abitanti si piegano ma non si rompono, nonostante i grovigli di crisi multiple. Notiamo con grande soddisfazione che una delle grandi originalità dell’opera è quella di evidenziare il ruolo dei quadri”, vale a dire applicare un approccio ispirato a Pierre Gourou, utilizzando la sua formula “Ogni uomo. è un ‘civilizzato’ , il che significa prima di tutto che è incastrato”.

2 Il lavoro inizia così mettendo in discussione i quadri “dall’alto” dell’era coloniale e postcoloniale e in particolare un quadro progettato per l’applicazione di un modello rentier che si è arenato negli anni ’80. Lo Stato patrimoniale sottoposto ai vincoli dell’aggiustamento è stato addirittura portato a rimuovere le proprie basi di accumulazione: la rottura delle condizioni di riproduzione dello Stato rentier ostacola l’interventismo statale e la concomitante riduzione del potere redistributivo dello Stato. importanti conseguenze a valle, cioè sulle componenti sociali e spaziali africane. L’Africa è ancora in attesa della nascita di uno Stato risultante dalle sue pratiche indigene che sia in grado di distinguere chiaramente il dominio pubblico e il dominio privato. Un capitolo sulla distribuzione della popolazione e le dinamiche demografiche è ricco di riflessioni critiche che mettono in discussione quanto detto circa l’effetto della tratta degli schiavi, il ruolo dei ricoveri, e anche quello di alcuni quadri tradizionali in epoca precoloniale. L’era coloniale ha congelato molte situazioni e ha persino favorito, nelle regioni scarsamente popolate, un circolo vizioso di sottopopolazione attraverso l’imposizione di un eccessivo reclutamento e fatica. La forte crescita demografica dagli anni Cinquanta in poi è stata solo in parte un recupero rispetto a quanto accaduto nel resto del mondo. L’esodo rurale non ha impedito l’aumento della popolazione rurale. Non c’è stato quasi nessun riequilibrio nella distribuzione della popolazione. Il recente calo di molti indicatori demografici è segno non tanto di una “transizione” quanto di un “accumulo epidemiologico”, in cui l’AIDS è ormai prevalente. Dopo aver redatto in poche pagine una notevole sintesi dell’agricoltura tradizionale, un capitolo molto bello tratta della crisi e della trasformazione dell’agricoltura e dei contadini, crisi aggravata dal contesto di forte crescita demografica e dal fallimento del top management. . Si conclude con la speranza che l’Africa possa avviare una “rivoluzione doppiamente verde” associando nuove tecniche di padronanza dell’ambiente e finezza della conoscenza locale. Vanno sottolineati molti altri aspetti originali dell’opera. Accontentiamoci di citare il capitolo sull’Africa urbana, che mostra chiaramente la sua singolarità, e in particolare il capitolo che ritorna al ruolo di quadri. Le strutture di vigilanza stanno cambiando per svolgere solo un ruolo di fuga al servizio della persona. L’intreccio tra mondo urbano e mondo rurale, pur avendo a lungo svolto il ruolo di ammortizzatore, comincia ad avere effetti nefasti attraverso la trasposizione dei conflitti urbani alla campagna e viceversa attraverso la trascrizione della geografia etnica in alcune città. La crisi dei vecchi quadri (famiglia, habitat, villaggio, etnia, reti commerciali) sia nell’ambiente rurale che nell’ambiente urbano investito dalle popolazioni rurali ha portato all’emergere di quadri di crisi (proliferazione dei religiosi, ma in un contesto in cui le Chiese vedono disintegrarsi il loro peso a favore di varie sette; irruzione di ONG, che aiutano a consolidare le strutture locali). La ricerca di una “società civile”, tema oggi spesso dibattuto, è possibile senza una visione collettiva? Le attuali strutture delle popolazioni africane sono all’altezza dei loro sforzi per sopravvivere?

3 Un capitolo sulla ricomposizione degli spazi (una geografia dell’incertezza) è più classico, così come quello che considera le integrazioni regionali e l’effetto della globalizzazione. L’aumento dei rischi di ogni genere e l’instabilità delle forme di organizzazione sociale si accompagnano a ricomposizioni spaziali a diverse scale: indebolimento dell’integrità spaziale dello Stato, declino economico delle regioni specializzate nell’agricoltura agricola, esportazione, (ri)orientamento verso le produzioni destinati a soddisfare i mercati interni, intensificazione della mobilità, sviluppo di centri secondari, amplificazione delle trasgressioni di frontiera.

4 La conclusione finale è moderatamente ottimistica ed è coerente con la gestione delle problematiche così come appariva dall’introduzione. Ritiene che i molteplici sforzi delle popolazioni attuali per vivere e sopravvivere potrebbero costituire la base di un rimbalzo se le strutture indigene efficaci potessero essere sufficientemente sostenute dalle istituzioni internazionali.

 

Henri Nicolaï e Stéphane Bastin , Dubresson A. & Raison JP, Africa subsahariana. Una geografia del cambiamento , Belgeo [Online], 4 | 2004, pubblicato il 15 settembre 2013 , consultato l’ 11 agosto 2021 . URL : http://journals.openedition.org/belgeo/13450; DOI : https://doi.org/10.4000/belgeo.13450

Contenuti del sito rilasciati con licenza CC BY 4.0

 

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.