Impianto idrico di Pouni Nord [2016]

Dichiarazione di fine lavori del sistema idrico di POUNI.

Il progetto di approvvigionamento idrico dei villaggio di Pouni, comune di Didyr in Provincia del Sanguie è stato realizzato come previsto.
– Durante una assemblea generale si è deciso di istallare una fontana a ogni punto che ospita infrastrutture  collettive: Dispensario e ostretricia, scuola elementare e nuova scuola secondaria. Tutte le altre strutture quali mercato, chiesa, moschea e tempio apostolico dei protestanti vanno collegati dopo pagamento di un forfait pari a quello in vigore presso la nazionale delle acque.
– Il sistema idrico viene gestito da un comitato eletto del villaggio e funziona in base alla legge sulla gestione dei sistemi locali di distribuzione di acqua potabile ad uso comunitario. QUESTO ORGANO È SOTTOPOSTO AL PAGAMENTO DELLE TASSE COMUNALI.
– Soffiatura del pozzo per verificarne la portata e la risalita dinamica dell’acqua dopo pompaggio e varie prove di pompaggio per assicurarsi che il pozzo regga ed anche per fissare la sonda.
– Dimensionamento e acquisto dello impianto di pompaggio con relativi disposizioni di protezione.
– La cisterna costruita nelle officine di Laba poi trasportata tramite camion gru a Pouni dove i lavori di genio civile erano pronti per l’erogazione a 8,5 metri dai livello terreno.
– Scavo di una trincea dorsale lunga 4000m per il trasporto dell’acqua passando attraverso il villaggio che si estende in lunghezza su oltre 8 km lineari. Lo scopo è di avvicinare le fontane alle abitazioni in modo da ridurre le distanze di accesso.
– Costruzione e trasporto della cisterna da Laba ( Carrefour fino a Bouanga) grazie ad un camion e una gru venuti dalla capitale. Oltre 150 km di strada non asfaltata in mezzo alla boscaglia poco praticabile.
– Costruzione del recinto di protezione dei gruppo pompa solare per ospitare i panelli solari da 3Kw con pompa Heinz. Questa scelta consente di avere nel villaggio. Senza sforzo fisico notevole, le famiglie hanno accesso all’acqua potabile in vicinanza delle case, risparmiando tempo e togliendo le ragazzine dal duro trasporto dell’acqua in testa con dei pesi di oltre 30 kg.. Questo passo è stato reso necessario dopo discussioni di sensibilizzazione per massimizzare l’uso dell’acqua e degli impianti, da parte del gruppo delle donne del villaggio.
– Formazione igienico sanitario sull’uso dell’acqua e del suo risparmio, protezione della falda e delle condotte interrate.
– Formazione all’uso, alla manutenzione degli impianti, alla gestione degli impianti, al piano di ammortamento e reintegra degli impianti.

– Alla gestione economico finanziaria dell’impianto.
– Alla tariffazione dei servizi: acqua, nuove istallazioni.
Questa formazione durata 10 giorni è stata fatta dai tecnici del Ministero dell’acqua su richiesta dell’associazione Amici del Burkina Faso e di quella locale di Pouni.
– Tutte le fasi dell’impianto realizzato dallo studio Symphony si sono concluse a regola d’arte mettendo a disposizione almeno 10 litri di acqua potabile a disposizione delle famiglie ( circa 8 000 persone).
– La partecipazione dei beneficiari è stata attiva e decisiva. Le popolazioni beneficiarie si sono imposte lo scavo delle trincee. Questo impianto è stato rinforzato con uno da 10 metri cubi con due cisterne in PVC a cura del villaggio onde coprire altri quartieri che erano molto lontani.
Infine la realizzazione dell’impianto idrico di Pouni è ultimato e funzionante.

Ouagadougou 28 Gennaio 2016.

In fede
Dr Bationo Danyipo Gérome

A fronte di un costo totale del progetto di € 37.935, la Regione Autonoma Trentino Alto Adige concesse un finanziamento di € 30.000.

Ancora un attimo...
wpif2_loading
DSCF2430
DSCF2429
DSCF2041
DSCF2426
DSCF2427
DSCF2128
DSCF2008
DSCF2046