Grave incidente nei pressi di un sito minerario.

Una grande esplosione ha scosso il villaggio di Gongombiro, 350 abitanti nel comune di Gbomblora, provincia di Poni, regione Sud Ovest. Secondo notizie ancora frammentarie, lo scoppio sarebbe scaturito da un incendio che avrebbe raggiunto del materiale esplosivo utilizzato nell’attività estrattiva in un sito aurifero vicino al villaggio. Alle 19.30 di ieri erano stati rinvenuti 59 cadaveri ed un numero imprecisato di feriti che hanno riempito il Gaoua Regional Hospital Center (CHR). Ingenti anche i danni materiali, non ancora quantificati. Sul luogo stanno tutt’ora investigando le forze dell’ordine locali, coadiuvate dalle autorità provinciali.

La scena dinnanzi ai soccorritori è apocalittica. Non c’è più un solo edificio in piedi nel raggio dell’esplosione. Quando sono arrivati c’erano cadaveri carbonizzati, feriti col corpo pesantemente ustionato che imploravano soccorso. Gli abitanti sono ancora sotto shock. Sarà molto difficile riuscire ad identificare le povere vittime.
Ancora una volta l’insicurezza dei siti estrattivi più o meno improvvisati ha causato una strage. Non sarà l’ultima.


Locazione approssimativa del villaggio di Gongombiro/Gongobiro/Gongonbiro/Gomgobiro…Visualizza mappa ingrandita

 

 

 

Fonte: http://www.lobservateur.bf/