Rss

Nuovo focolaio Covid-19 a Sebba, nella provincia di Yagha.

Lo scorso 5 maggio 2020 il Comitato Regionale per la Gestione delle Epidemie del Sahel a Dori ha tenuto la sua riunione bisettimanale. Il direttore sanitario regionale, Hamed Sidwaya Ouédraogo, ha presentato una relazione con i dati relativi all’evoluzione della situazione epidemiologica del virus Covid-19.

Il funzionario ha fornito la buona notizia che i 17 pazienti infetti registrati nel Sahel sono ormai guariti. Si tratta di individui provenienti da due fra i comuni della regione maggiormente colpiti dalla terribile pandemia, ovvero Falagountou ed Essakane, presso cui si trova il più importante impianto minerario del Burkina Faso. Purtroppo però, ha anche affermato che è apparso un nuovo focolaio a Sebba, nella provincia di Yagha, dove è stato confermato un nuovo caso, subito preso in carico dalle autorità sanitarie. Immediatamente sono scattate le misure di sicurezza e prevenzione previste dai protocolli nazionali, di concerto con il distretto sanitario di Yagha, per cercare di soffocare sul nascere la diffusione del virus nella località.

È poi intervenuto Salfo Kaboré, governatore della regione, il quale ha spiegato che le attività socio-economiche hanno ripreso il loro corso su tutto il territorio regionale. Egli ha affermato che la popolazione sta via via acquisendo consapevolezza del virus e delle sue modalità di diffusione e che tale consapevolezza deve essere portata soprattutto nei luoghi di maggiore assembramento, come i mercati, i luoghi di riunione, ecc. Il governatore ha poi richiesto ai cittadini il rigoroso rispetto delle misure decretate dal Ministero della Salute per bloccare il virus nella regione, già afflitta dalla piaga del terrorismo di matrice islamica.

Visualizza mappa ingrandita

I commenti sono chiusi.