Terroristi sabòtano antenne delle telecomunicazioni a Sebba.

Fra mercoledì 3 novembre 2021 ed il giorno successivo, individui armati hanno sabotato le antenne per le telecomunicazioni della città di Sebba, provincia di Yagha nel Sahel. La zona è attualmente isolata, e si sta lavorando per ripristinare le linee nel più breve tempo possibile. Secondo fonti delle forze di sicurezza, si tratta di una precisa strategia dei terroristi che tentano di isolare le diverse aree non più soltanto attraverso i blocchi stradali, ma anche con l’isolamento mediatico. In alcune zone del Burkina Faso smartphone e cellulari non riescono ad avere collegamento, pertanto le onde radio televisive possono rappresentare l’unica forma di comunicazione via etere possibile.

Successivamente, nella notte tra venerdì 5 e sabato 6 novembre 2021, un manipolo di terroristi ha attaccato un distaccamento militare a Tankoualou, nella regione Est, poco distante da Tillaberi nel Niger dove, nella stessa giornata sono state massacrate 69 persone. Per il Burkina Faso invece il bilancio è di 3 soldati feriti ed uno deceduto, mentre si contano una decina di terroristi uccisi.

Infine nella giornata del 2 novembre presso Tapoko, sede dell’importante impianto minerario, un drappello di militari ha intercettato un convoglio di terroristi in spostamento, impegnandoli in battaglia. Il bilancio è di 8 jihadisti uccisi, mentre nessuna perdita è stata registrata per l’esercito. L’operazione ha portato al sequestro di molti fucili Kalashnikov, munizioni, motociclette, ordigni esplosivi improvvisati, apparecchi per la comunicazione e vari oggetti personali.

 

Fonte: AIB