Fine giugno di sangue nel nord del Burkina Faso.

Lunedì 21 luglio 2021 11 gendarmi sono stati uccisi in un’imboscata sulla direttrice Barsalogo – Foubé. Lo ha comunicato il Ministero della Sicurezza del Burkina Faso. Il convoglio era diretto a Yirgou per una missione di soccorso.

Soldiers volunteer at children’s village in Burkina Faso
Author: US Army License CC BY 2.0

Nella stessa giornata, nella provincia di Loroum, si sono verificati pesanti scontri fra la milizia dei Volontari per la Difesa della Patria o VDP e terroristi molto bene armati. Il comandante della milizia è morto, e vi sono stati molti feriti gravi e dispersi.
La popolazione della provincia scenderà in piazza il prossimo 26 giugno per chiedere con forza allo stato di intervenire per porre fine ad una situazione ormai insostenibile. I villaggi si stanno svuotando, la gente fugge a Titao, capoluogo della regione ed ultimo caposaldo non ancora in mano agli jihadisti. Si accampano dove possono, in condizioni igieniche precarie, senza i fondamentali servizi. La gente si sente abbandonata dalle istituzioni. I VDP combattono con veemenza, ma vengono sopraffatti dai più esperti e meglio armati terroristi, che ormai in quella zona controllano strade e territori.

 

Fonte:Lefaso.net

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.